Sustainable Gambling Conference – Nuovi obiettivi per gli operatori del gioco online

Silvia 13/10/2021
Sending
User Review
5 (1 vote)
(1 voti)

Il 5 ottobre si è svolta la 6° edizione della Sustainable Gambling Conference, che quest’anno ha avuto come tema Il gioco d’azzardo più sicuro: una responsabilità condivisa
Oltre 800 partecipanti, tra esperti dell’industria del gambling, interni ed esterni, hanno preso parte a discussioni mirate e tavole rotonde aventi come tema principale lo sviluppo sostenibile del settore.

I partecipanti alla conferenza – Il contributo degli esperti del settore

Una conferenza ricca di nuovi spunti e prospettive per il futuro, venuti fuori grazie a discussioni stimolanti e scambi di punti di vista diversi.

Hanno partecipato diverse personalità per provenienza e background, in modo da affrontare il tema principale da diverse angolazioni e con approccio olistico.
Il settore del gambling era rappresentato dai principali operatori svedesi, dagli affiliati, nonché dalla European Gaming and Betting Association (EGBA). Tutti hanno riconosciuto come la redditività e l’evoluzione del settore sono direttamente legate alla sostenibilità.
Nurit Nobel, ricercatrice in Psicologia Economica presso la Stockholm School of Economics, ha parlato della teoria del nudge, ovvero orientare e indirizzare le persone verso un comportamento desiderato senza costrizioni o forzature. Questo concetto ripreso dalla psicologia comportamentale può essere sfruttato dagli operatori per indurre comportamenti di gioco più virtuosi nei giocatori.
Janne Elvelid, Head of Public Policy Sweden & Finland Facebook, ha invece discusso di come le aziende possono operare una maggiore supervisione, traendo vantaggi a livello di reputazione dalla rivalutazione del loro impatto sulla società.
Ryan Pitcher e Christopher Gilham, conduttori di un podcast sulla dipendenza dal gioco intitolato, All Bets Are Off, hanno moderato due discussioni su come l’industria può diventare più sostenibile, concentrandosi su diverse questioni di fondo come la pubblicità, l’uso della lingua e le soluzioni di pagamento.

Inoltre, i regolatori di tutta Europa si sono riuniti per discutere su come sviluppare politiche sostenibili ed efficaci che abbiano origine dalle esigenze dei consumatori, proponendo iniziative e analizzando i recenti progressi della ricerca e del mondo accademico.

I punti di discussione della conferenza

Gli argomenti affrontati sono stati molti e sono stati trattati in modo approfondito. Ecco alcuni dei principali risultati a cui si è giunti nell’edizione di quest’anno della Conferenza sul gioco sostenibile:

  • Ampio consenso sul fatto che la redditività del settore dipenda dal diventare sostenibile
  • Maggiore responsabilizzazione da parte degli operatori a informarsi di più sul gioco d’azzardo più sicuro
  • Elaborazione di strategie per rendere l’industria più sostenibile
  • Impegno nel combattere il mercato nero e assicurarsi che i giocatori possano vivere un’esperienza piacevole e sicura e sopratutto legale

Le conclusioni a cui si è giunti

Henrik Tjärnström, CEO di Kindred Group, ha tirato le somme della conferenza. La sicurezza e la sostenibilità del gioco d’azzardo rappresentano due aree chiave per il continuo sviluppo dell’industria del gioco d’azzardo. Il cliente e i suoi bisogni devono essere al centro della strategia di sviluppo degli operatori per creare prodotti performanti ma in una prospettiva più ampia.
La collaborazione e la trasparenza sono fattori fondamentali. Il coinvolgimento e il continuo sostegno tra operatori e autorità faranno la differenza e promuoveranno il cambiamento. C’è bisogno di allineamento e politiche coerenti e decise.
Il settore del gambling è penalizzato da diverse politiche che ne limitano il marketing, è necessario rivalutare il linguaggio e indirizzare il giocatore attraverso una pubblicità consapevole. Deve essere ben chiaro al pubblico che gli operatori offrono un prodotto sicuro, testato e regolamentato secondo standard ben precisi. Il giocatore e la sua sicurezza devono essere al primo posto, soprattutto per quanto riguarda l’uso dei dati personali e la privacy.

Autore

Silvia B / Silvia